Cosa pensi della massoneria?

Visualizzazioni totali

mercoledì 15 giugno 2016

Catania, contatti tra mafiosi e massoni

Oggi Televideo Rai ha diffuso la notizia dell'esistenza a Catania di contatti tra esponenti mafiosi e membri di una loggia massonica. Già in passato sono stati registrati legami tra massoni e mafiosi.

giovedì 20 dicembre 2012

La loggia "Paolo Sarpi" di Treviso

A diversi massoni avevo chiesto di mettermi in contatto col v. m. della loggia "Paolo Sarpi" di Treviso... senza successo! Ufficialmente i massoni di questa loggia non hanno mai voluto incontrarmi perché ritengono fondamentale la loro riservatezza e segretezza. Oggi, però, ho letto un'intervista che Paolo Panetta, maestro della loggia "Paolo Sarpi", ha rilasciato alla giornalista Emanuela Da Ros (www.oggitreviso.it). Questa intervista la considero un passo molto importante per avviare la massoneria sulla strada della trasparenza...
Ecco il link dove è possibile leggere l'intervista a Paolo Panetta:

martedì 25 ottobre 2011

Treviso - Nel libro "Lungo le sponde del torrente Giavera" è inserito il testo delle lezioni sulla massoneria che ho tenuto in vari incontri in provincia di Treviso. A Villorba il libro è disponibile presso la liberia Lovat.

Info nel blog:
http://comunitadivillorba.blogspot.com/2011/10/il-circolo-di-lettura-matilde-serao.html


mercoledì 6 luglio 2011

Nello Statuto della Lega nord, l'articolo 30 recita:
"La qualifica di Socio Ordinario Militante è incompatibile con l’iscrizione o l’adesione a qualsiasi altro Partito o Movimento Politico, associazione segreta, occulta o massonica o a liste civiche non autorizzate dall’organo competente.
Il verificarsi di tale incompatibilità comporta l’espulsione automatica ed immediata
dell’associato".
Quindi, o si è massoni o si è leghisti... ma è proprio così?

venerdì 20 maggio 2011

Treviso, incontri sulla massoneria

Sono rimasto molto soddisfatto dei due incontri svoltisi in questo mese di maggio sulla massoneria: il primo presso la libreria Lovat a Villorba (il giorno 4) e il secondo presso l'Università degli Adulti a Cornuda (giorno11) . Ho avuto, infatti, la possibilità di confrontarmi con un pubblico attento e desideroso di conoscere la massoneria.








domenica 28 novembre 2010

Massoneria, Il vincolo della segretezza

Qui di seguito propongo una sintesi dell'intervento che Niccolò Barea (Associazione Istranagiovene) ha fatto nel corso dell'incontro svoltosi presso la libreria di Danilo Zanetti sulla massoneria trevigiana.

MONTEBELLUNA - [...] Secondo alcune stime fornite dalle principali obbedienze massoniche italiane, il numero delle richieste di iscrizione alla massoneria sta aumentando a dismisura, ed assieme ad esso, anche il numero di giovani che desiderano entrare in questa società segreta.
Se osserviamo i dati forniti dal grande oriente d'Italia, il numero degli iscritti nel 1998 ammontava a 12630* e nel 2007 è salito a quota 18117*, con una media di 1000/1500 richieste di iscrizione all'anno secondo Gustavo Raffi.
Nella gran loggia nazionale d'Italia l'età media è scesa da 65 a 55 anni*, con un aumento delle "iscrizioni rosa" del 25%* e, secondo degli studi pubblicati da Einaudi*, il 6% degli iscritti a questa obbedienza ha un'età compresa tra i 18 e i 25 anni* mentre il 25% ha un'età media tra i 25 e i 40 anni* con un aumento della presenza dei lavoratori dipendenti* probabilmente dovuto alla politica di trasparenza intrapresa dalle varie obbedienze.
Questi dati sembrano contrastare la fama negativa che circonda la massoneria, infatti sembra quasi che la gente ricorra all'iscrizione, come se la massoneria fosse una soluzione o comunque una fonte di sicurezza e stabilità in questo periodo storico caratterizzato dalla crisi del mondo lavorativo e finanziario.
Purtroppo però, per quanto riguarda i giovani, se si chiede a molti di loro cosa sia la massoneria, ci si accorge che c'è una grandissima confusione su questo concetto. Questo problema è generato purtroppo da molteplici fattori, che variano dai fatti di cronaca avvenuti in Italia nel passato, nei quali erano implicate logge deviate, dal vincolo di segretezza che fin pochi anni fa caratterizzava la massoneria, e soprattutto dai mezzi comunicativi che oggi invadono la nostra società, ovvero produzioni cinematografiche e produzioni letterarie. Infatti, nelle recenti opere cinematografiche o librarie come: “Il tesoro dei templari”, “L'ultimo Sherlock Holmes” (2009”, “From hell, La vera storia si Jack lo squartatore”, “Il codice Da Vinci”, “Angeli e demoni” di Dan Brown, la massoneria compare come elemento centrale del racconto, ma se si osserva attentamente, di questa società segreta si mette in risalto solamente il suo aspetto complottistico e mitologico, tralasciando purtroppo tutti gli aspetti sociali e ideologici che sono fondamentali per capire che cos'è la massoneria.



Il vincolo di segretezza invece è stato storicamente lo "strumento" che la massoneria ha dovuto adottare per sopravvivere (per esempio contro la repressione fascista e nazista). Purtroppo, però, per errore questo sistema si è protratto negli anni, innalzando un muro insormontabile che impedisce di capire cosa avviene all'interno delle logge e rendendo i massoni invisibili agli occhi della gente comune.
A causa di questo, credo che molte persone - tra cui anche i giovani - si avvicinano alla massoneria con intenzioni e idee sbagliate, talvolta contrarie e dannose per se stessi e per le varie obbedienze che hanno intrapreso la strada dell'apertura.
Solo recentemente, grazie agli interventi dei gran maestri Giuliano Di Bernardo e Gustavo Raffi, la massoneria ha iniziato ad aprirsi molto di più alla gente, rendendo pubbliche le liste degli appartenenti e aprendo siti internet con i quali è possibile consultare vari testi e capire cosa sia tecnicamente la massoneria. Ma a questo punto è lecito porsi delle domanda: se la massoneria, come dice Raffi, è una fucina di idee, è uno spazio adogmatico nel quale è possibile confrontarsi sui grandi temi che riguardano la dignità e la libertà dell'uomo, perché, allora, molti massoni non vogliono rendersi noti ed uscire allo scoperto? Perché molti massoni vogliono rimanere nell'ombra e non vogliono seguire i fratelli che si rendono pubblici, rilasciano interviste e sono disponibili al dialogo e al confronto?


* Cfr. il libro “Fratelli d'Italia”, di Ferruccio Pinotti, edizione BUR.

mercoledì 17 novembre 2010

MONTEBELLUNA - E' stato molto interessante l'incontro di questa sera alla libreria di Danilo Zanetti dedicato alla Massoneria.


(nella foto da sx verso dx: Carlo Silvano, Danilo Zanetti e Niccolò Barea)

Ho avuto modo di parlare della storia e dello sviluppo di questa istituzione, nonché del mio libro intitolato "Quale primavera per i figli della vedova?". L'incontro è stato molto interessante anche perché tra il pubblico una persona si è dichiarata massone e ha preso parte al dibattito.



Molto probabilmente c'erano anche altri massoni che hanno evitato di farsi riconoscere in quanto tali.



Niccolò Barea è stato molto bravo nella sua esposizione, parlando delle difficoltà che oggi i giovani hanno nel reperire informazioni attendibili sulla Massoneria.
Il massone presente mi ha pubblicamente invitato in Toscana ad un incontro della Massoneria: ho risposto dicendo che mi interesso di massoni trevigiani e che per le mie ricerche sarebbe più utile conoscere il maestro venerabile della loggia "Paolo Sarpi" di Treviso.
Tra il pubblico anche il signor Alessandro Pipino che ha fatto domande pertinenti e interessanti per sottolineare certi aspetti contraddittori della Massoneria.
Nei vari interventi che ho fatto, ho precisato l'inconciliabilità tra cattolicesimo e massoneria, e il dovere dei massoni di rendere pubblica la propria appartenenza a questa istituzione.
La serata è terminata con un bicchiere di prosecco offerto da Danilo Zanetti, e salutando la persona che si era dichiarata massone ho ribadito il desiderio di conoscere i liberi muratori della loggia "Paolo Sarpi" di Treviso.